libreria specializzata in arte e architettura
english

email/login

password

ricordami su questo computer

invia


Hai dimenticato la tua password?
inserisci il tuo email/login qui sotto e riceverai la password all'indirizzo indicato.

invia

chiudi

FB twitter googleplus
ricerca avanzata

chiudi

OFFERTA DEL GIORNO

Bernardino Luini. Catalogo generale delle opere

A cura di Cristina Quattrini.
Torino, 2020; cartonato, pp. 544, ill. b/n, tavv. b/n e col., cm 22x31,5.
(Archivi di Arte Antica).

prezzo di copertina: € 160.00

Bernardino Luini. Catalogo generale delle opere

Costo totale: € 160.00 € 840.00 aggiungi al carrello carrello

Libri compresi nell'offerta:

Dosso Dossi (1489-1542). La Pittura a Ferrara negli Anni del Ducato di Alfonso I

A cura di Romani V. e Pattanaro A.
Cittadella, 1995; 2 voll., ril. in cofanetto, pp. 1500, ill. b/n e col., cm 25x34.
(Università di Padova. Dipartimento di Storia delle Arti Visive e della Musica. Pittura del Rinascimento nell'Italia Settentrionale. 1).

OMAGGIO (prezzo di copertina: € 680.00)

Dosso Dossi (1489-1542). La Pittura a Ferrara negli Anni del Ducato di Alfonso I

chiudi

Emilio Isgrò. Fratelli d'Italia

Grafiche Aurora

Milano, GALLERIA GRUPPO CREDITO VALTELLINESE, 19 marzo - 13 giugno 2009.
Milano, Galleria del Credito Valtellinese, 19 marzo - 13 giugno 2009.
Acireale, 19 luglio - 15 novembre 2009.
Verona, 2008; cartonato, pp. 260, ill. b/n e col., tavv., cm 24,5x28,5.

Soggetto: Arti Grafiche (Disegno, Incisione, Miniatura),Pittura e Disegno - Monografie

Periodo: 1960- Contemporaneo

Luoghi: Milano

Extra: New Media

Testo in: testo in  italiano  

Peso: 1.66 kg


Sarà la più estesa mostra che Milano, patria d'adozione dell'artista sin dai lontani anni '50, abbia mai dedicato ad Emilio Isgrò.
Ad ospitarla saranno, dal 20 marzo al 13 giugno, le Gallerie del Credito Valtellinese per iniziativa della Fondazione Credito Valtellinese che, dal 19 luglio al 15 novembre, la riproporrà in Sicilia, terra natale di Isgrò, ed esattamente ad Acireale nella Galleria del Credito Siciliano. La mostra è curata da Marco Meneguzzo.

Il titolo "Fratelli d'Italia," ricalca quello dell'opera fulcro dell'esposizione, costituita da una lunga e imponente striscia con l'inno nazionale "cancellato" da Isgrò. Nessuna volontà di dissacrazione in questo intervento, ma, come avviene per tutte le opere di Isgrò, la decisione di evidenziare certi passaggi fondamentali del testo.

La grande esposizione milanese riunisce ben tre opere-installazioni del più importante artista "concettuale" e poeta visivo italiano. Accanto a "Fratelli d'Italia," installazione assolutamente inedita, pensata e realizzata per l'occasione, ve ne saranno infatti altre due, di grandi dimensioni e di grande spettacolarità.
Si tratta de l'Ora italiana e di l'avventurosa vita di Emilio Isgrò.
La prima (risalente al 1983, allora realizzata per ricordare l'attentato alla Stazione di Bologna) è composta da venti pezzi rotondi del diametro di circa 1 m. ciascuno, con un orologio incorporato con tanto di suoneria funzionante; la seconda, del 1971, propone una serie di dichiarazioni sulle caratteristiche fisiche e morali dell'artista, che identificano il personaggio in maniera appunto "concettuale" attraverso la descrizione.

Accanto a queste tre installazioni, la mostra propone un'antologica sceltissima (70 pezzi) della produzione di Isgrò, dagli esordi ad oggi.

La equiparazione di Isgrò alla "cancellatura", come questa mostra conferma, è assolutamente limitativa e persino fuorviante: basti pensare ai molti aspetti della sua lunga ricerca artistica, dalle "Mappe", ai "Particolari di particolari", ingrandimenti esasperati di personaggi....Quattro Biennali veneziane, un Primo Premio alla Biennale di San Paolo, decine di mostre in Italia e nel mondo, l'intervento a Gibellina....
Ma Isgrò è soprattutto un intellettuale ed un artista " a tutto tondo". Inizia con la poesia, arte con la quale ha costantemente convissuto e continua a convivere, con il romanzo, il teatro, il radiodramma, il giornalismo, la musica (storica la sua installazione "Chopin" con 15 pianoforti prima a Milano e poi a Bergamo)... Si è nutrito (e continua a farlo) nel confronto a tutto campo con i grandi intellettuali del suo secolo. Da Consolo a Quasimodo, Crovi, Vittoriani, Calvino, Parise, Naldini, Arbasino, Pasolini, Ballo, Baj, Pomodoro, Giudici, Manzoni, Fontana, Eco, Ottieri, Palazzeschi, Montale, Comisso, Valeri, Zanotto, de Chirico, Dalì, De Sica, Britten, Bloch, Tarkovskij, Moravia, Kennedy, Pound, Feltrinelli, Dorfles, Cage, Buzzati, Boltanski....furono davvero molti gli intellettuali che lo frequentarono e che lui frequentò in rapporti sempre molto intensi, talvolta conclusesi con epici scontri e rotture.

COMPRA ANCHE



OFFERTE E PROMOZIONI
non disponibile - NON ordinabile

design e realizzazione: Vincent Wolterbeek / analisi e programmazione: Rocco Barisci