libreria specializzata in arte e architettura
english

email/login

password

ricordami su questo computer

invia


Hai dimenticato la tua password?
inserisci il tuo email/login qui sotto e riceverai la password all'indirizzo indicato.

invia

chiudi

FB twitter googleplus
ricerca avanzata

chiudi

OFFERTA DEL GIORNO

Bernardino Luini. Catalogo generale delle opere

A cura di Cristina Quattrini.
Torino, 2020; cartonato, pp. 544, ill. b/n, tavv. b/n e col., cm 22x31,5.
(Archivi di Arte Antica).

prezzo di copertina: € 160.00

Bernardino Luini. Catalogo generale delle opere

Costo totale: € 160.00 € 840.00 aggiungi al carrello carrello

Libri compresi nell'offerta:

Dosso Dossi (1489-1542). La Pittura a Ferrara negli Anni del Ducato di Alfonso I

A cura di Romani V. e Pattanaro A.
Cittadella, 1995; 2 voll., br. in cofanetto, pp. 1500, ill. b/n e col., cm 25x34.
(Università di Padova. Dipartimento di Storia delle Arti Visive e della Musica. Pittura del Rinascimento nell'Italia Settentrionale. 1).

OMAGGIO (prezzo di copertina: € 680.00)

Dosso Dossi (1489-1542). La Pittura a Ferrara negli Anni del Ducato di Alfonso I

chiudi

Vittorio Pica e Alberto Martini. Il Trentennale Sodalizio tra un Critico ed un Artista

Editrice Tau

A cura di Monica Cardarelli.
Todi, 2021; br., pp. 98, cm 14x22.
(D'Arte. 1).

collana: D'Arte

EAN13: 9791259750754

Testo in: testo in  italiano  

Peso: 2 kg


Napoletano, ma mezzo inglese, innamorato della letteratura francese fin de siècle, Vittorio Pica (1862-1930) cercò per tutta la vita di aggiornare il gusto degli italiani alle ultime novità della grafica europea, nelle pagine della rivista «Emporium» e nelle sale della Biennale di Venezia di cui fu a lungo curatore. Al suo occhio raffinato non poté sfuggire il bizzarro talento di Alberto Martini (1876-1954), disegnatore originalissimo e inquietante, che il più anziano critico scoprì agli esordi e di cui guidò la carriera promuovendo in ogni modo la sua opera con paterna e disinteressata amicizia. Fu Pica ad educare la penna di Martini facendola esercitare a disegnare i versi di Baudelaire, Verlaine e Mallarmé. Fu Pica, grazie ai suoi numerosi legami con la società cosmopolita degli esteti e dei bibliofili a presentare l'opera di Martini a Londra e altrove in Europa. Un sodalizio fondato sull'amore dell'arte eccezionale, elitaria, per i molti "happy few" che potevano apprezzarla. Un'amicizia a cui Martini in ultimo seppe rispondere con generosità, soccorrendo il critico napoletano negli ultimi anni di disgrazia, silurato dal nuovo regime che non poteva amare il gusto internazionale e l'estetica "aristocratica" di Vittorio Pica.

COMPRA ANCHE



OFFERTE E PROMOZIONI

design e realizzazione: Vincent Wolterbeek / analisi e programmazione: Rocco Barisci