libreria specializzata in arte e architettura
english

email/login

password

ricordami su questo computer

invia


Hai dimenticato la tua password?
inserisci il tuo email/login qui sotto e riceverai la password all'indirizzo indicato.

invia

chiudi

FB twitter googleplus
ricerca avanzata

chiudi

OFFERTA DEL GIORNO

Plasmato dal Fuoco. La Scultura in Bronzo nella Firenze degli Ultimi Medici.

Firenze, Gallerie degli Uffizi, 18 settembre 2019 - 12 gennaio 2020.
A cura di Sandro Bellesi, Riccardo Gennaioli e Eike D. Schmidt.
Livorno, 2019; br., pp. 656, 550 ill. col., cm 24x28.
(Le Gallerie degli Uffizi).

prezzo di copertina: € n.d.

Plasmato dal Fuoco. La Scultura in Bronzo nella Firenze degli Ultimi Medici.

Costo totale: € 45.00 € 149.00 aggiungi al carrello carrello

Libri compresi nell'offerta:

Gli Splendori del Bronzo. Mobili ed oggetti d'arredo tra Francia e l'Italia. 1750-1850

Co-Editore: Omega Arte.
Torino, 2002; br., pp. 182, ill. b/n, 102 ill. col., tavv. col., cm 21x28.

OMAGGIO (prezzo di copertina: € 60.00)

Gli Splendori del Bronzo. Mobili ed oggetti d'arredo tra Francia e l'Italia. 1750-1850

L'industria artistica del bronzo del Rinascimento a Venezia e nell'Italia settentrionale

Atti del Convegno Internazionale di Studi, Venezia - Fondazione Giorgio Cini, 23 ottobre - 24 ottobre 2007.
A cura di Avery V. e Ceriana M.
Traduzione di Ermini G.
Trento, 2008; br., pp. 480, ill. b/n, cm 21,5x29.
(Pubblicazioni del Comitato Nazionale per le celebrazioni del 550° anniversario della nascita di Tullio Lombardo).

OMAGGIO (prezzo di copertina: € 44.00)

L'industria artistica del bronzo del Rinascimento a Venezia e nell'Italia settentrionale

chiudi

Un'idea su Torquato Tasso. Tra Poesia e Pittura

Corponove Editrice

Bergamo, 2003; cartonato, pp. 176, 200 ill. col., cm 35x24.
(Artisti Bergamaschi. 22).

collana: Artisti Bergamaschi

ISBN: 88-87831-34-3 - EAN13: 9788887831344

Soggetto: Pittura e Disegno - Monografie,Saggi (Arte o Architettura)

Periodo: 1400-1800 (XV-XVIII) Rinascimento

Luoghi: Lombardia

Testo in: testo in  italiano  

Peso: 0.93 kg


Un'idea sulla vita e il tempo di Torquato Tasso, sulla sua poesia e la pittura, quella affascinante di Mantegna, Bellini, Tiziano, Giorgione. Raffaello e Leonardo risplendente nelle magnifiche Corti rinascimentali dove il Tasso ha vissuto, ha trionfato, ha sofferto, e l'avvincente repertorio di immagini scaturite dall'incontro con il Tasso di pittori d'ogni generazione, per finire con Caravaggio, fratello del Tasso non tanto o non solo per la vita tormentata, ma per la modernità dell'arte. Entrambi a Roma sul finire del Cinquecento, dall'uno all'altro idelmente passa il testimone d'una geniale e universale bellezza che trae origine dalle radici bergamasche.

Nel narrare la vita e il tempo si è privilegiato il percorso tracciato dalle bellissime Lettere del Tasso nelle quali non meno che negli altri scritti, mostrò l'ingegno potente, e meglio che negli altri rivelò l'anima mesta, il suo modo di affrontare il mondo senza certezze, i suoi dubbi, le sue domande già amletiche e modernissime sulla natura dell'uomo e sul senso della vita. Egli, che sempre si dice bergamasco, che scrive come filosofo e crede come cristiano, racconta le inquietudini della mente, i dubbi dell'anima in tempi d'Inquisizione, i tormenti e le felicità dell'arte, la titanica lotta contro le avversità, lo splendore delle corti degli Este, dei Gonzaga, dei Medici, dei Papi e dei Cardinali, la reclusione in carcere "fra strepiti e sordidezze che avrebbero potuto far diventar forsennati gli uomini più savi", fino all'ultima lettera dal convento di Sant'Onofrio, in vetta al Gianicolo, dove morì a cinquantun anni, il 25 aprile 1595.

Di continuo s'apre l'orizzonte sulla poesia attraverso una amorevole scelta di pagine delle Rime, dell'Aminta del Mondo creato e soprattutto della Gerusalemme liberata, con i mitici personaggi ed episodi che ispirarono, fra gli altri, Guercino, Carracci, Tiepolo, Poussin, Vouet, Hayez, Delacroix, Castello e Piazzetta, tutte opere ben documentate insieme a quelle di pittori come Tiziano, Bastianino, Barocci, Tintoretto, per sottolineare le affinità fra la poesia del Tasso e la pittura di questi suoi contemporanei.

L'orizzonte sui Ritratti del Tasso, altro affascinante capitolo, privilegia quelli che ne raffigurano il bellissimo giovane qual egli era, prima dei sette anni nel carcere di Ferrara in cui fu rinchiuso dal suo "mecenate" il Duca Alfonso d'Este. Magnifico ventiduenne è il Tasso dipinto da Jacopo Bassano, così come nel ritratto di Scipione Pulzone, di pochi anni dopo, è l'uomo con il libro in mano. Inedito e d'una bellezza moroniana è il ritratto in copertina.

Solo un'idea di Torquato Tasso, nella poesia accostato a Omero e Virgilio, nei Dialoghi a Platone.

COMPRA ANCHE



OFFERTE E PROMOZIONI

design e realizzazione: Vincent Wolterbeek / analisi e programmazione: Rocco Barisci