libreria specializzata in arte e architettura
english

email/login

password

ricordami su questo computer

invia


Hai dimenticato la tua password?
inserisci il tuo email/login qui sotto e riceverai la password all'indirizzo indicato.

invia

chiudi

FB twitter googleplus
ricerca avanzata

chiudi

OFFERTA DEL GIORNO

La collezione dei bronzi del Museo Civico Medievale di Bologna

San Casciano V. P., 2017; br., pp. 402, tavv. col., cm 21,5x30.

prezzo di copertina: € 150.00

La collezione dei bronzi del Museo Civico Medievale di Bologna

Costo totale: € 150.00 € 500.00 aggiungi al carrello carrello

Libri compresi nell'offerta:

Repertorio della Scultura Fiorentina del Cinquecento

A cura di Pratesi G.
Biografie a cura di Nicoletta Pons.
Torino, 2003; 3 voll., ril. in cofanetto, pp. 795, ill., cm 21x30,5.
(Archivi di Arte Antica).

OMAGGIO (prezzo di copertina: € 350.00)

Repertorio della Scultura Fiorentina del Cinquecento

chiudi

Oculus fallit. Il tempio greco e il mito delle 'correzioni ottiche'

Campisano Editore

Prefazione di Louis Godart.
Roma, 2021; br., pp. 280, 80 ill. b/n e col., cm 15,5x21,5.
(Saggi di storia dell’arte. 68).

collana: Saggi di storia dell’arte

ISBN: 88-85795-73-0 - EAN13: 9788885795730

Soggetto: Saggi (Arte o Architettura),Saggi e Studi sull'antichità,Storia dell'architettura

Periodo: 0-1000 (0-XI) Antico

Luoghi: Europa

Extra: Antica Grecia

Testo in: testo in  italiano  

Peso: 2 kg


Tra i vari miti cui ha dato vita il De architectura di Vitruvio, c'è quello delle cosiddette "correzioni ottiche", cioè quelle anomalie costruttive che sarebbero state escogitate dai costruttori del tempio a fini estetici, per compensare le deformazioni prodotte dall'"occhio che sbaglia" (oculus fallit). Ma mentre gli altri miti (come quello delle proporzioni degli ordini architettonici e del presunto candore del tempio) si sono dissolti alla luce delle documentazioni archeologiche, paradossalmente il mito delle "correzioni ottiche" è andato perpetuandosi fino ai nostri giorni, tanto da divenire un caposaldo in molte teorie dell'estetica antica. L'autore del libro tenta, invece, di dimostrare che al di là di una improbabile finalità estetica, le "correzioni" non sono altro che il risultato di una raffinata tecnica esecutiva che ha prodotto assetti geometrico-costruttivi niente affatto anormali, ma del tutto inevitabili e forse, almeno in una prima fase, non previsti dagli stessi realizzatori (architetti e maestranze) del tempio.

COMPRA ANCHE



OFFERTE E PROMOZIONI

design e realizzazione: Vincent Wolterbeek / analisi e programmazione: Rocco Barisci