libreria specializzata in arte e architettura
english

email/login

password

ricordami su questo computer

invia


Hai dimenticato la tua password?
inserisci il tuo email/login qui sotto e riceverai la password all'indirizzo indicato.

invia

chiudi

FB twitter googleplus
ricerca avanzata

chiudi

OFFERTA DEL GIORNO

Raffaello 1520-1483.

Roma, Scuderie del Quirinale, 5 marzo - 2 giugno 2020.
A cura di Marzia Faietti e Matteo Lafranconi.
Milano, 2020; br., pp. 544, 400 ill. col., cm 22x28.
(Cataloghi di Arte Antica).

prezzo di copertina: € 46.00

Raffaello 1520-1483.

Costo totale: € 43.70 aggiungi al carrello carrello

Libri compresi nell'offerta:

La cucina vip. Alessandro Circiello, le ricette per le star

Milano, 2012; br., pp. 128, ill., cm 15x19.
(Chef!).

OMAGGIO (prezzo di copertina: € 12.90)

La cucina vip. Alessandro Circiello, le ricette per le star

chiudi

La collezione don Casimiro Bettelli. Opere inedite da Fontana a Schifano

La collezione don Casimiro Bettelli. Opere inedite da Fontana a Schifano

Galleria Civica di Modena

Modena, Ggalleria civica di Modena, 6 novembre 2009 - 10 gennaio 2010.
Modena, 2009; br., pp. 144, tavv., cm 24x21.

Soggetto: Pittura,Scultura

Periodo: 1960- Contemporaneo

Luoghi: Europa,Extra Europa,Italia

Testo in: testo in  italiano  

Peso: 0.58 kg


Il nucleo Don Bettelli conta più di 600 opere su carta, oltre ad opere su tela, anche di grandi dimensioni, e sculture, ed è incentrato, in particolare, sulla grafica internazionale della seconda metà del XX secolo, dal realismo esistenziale degli anni Cinquanta alla Pop Art, sino alle esperienze dell'Arte Povera e della Transavanguardia.
Comprende opere straordinarie di maestri quali Arp, Warhol, Vautier, Mondrian, Man Ray, Hartung, Lichtenstein, rare cartelle storiche come "Tesoro" (1981) con opere di Chia, Clemente, Cucchi, De Maria, e Paladino e opere di artisti modenesi ai quali Don Bettelli era legato da amicizia, come Raffaele Biolchini, Carlo Barbieri, Mario Venturelli.
La collezione, a prima vista piuttosto complessa ed eterogenea, dà conto del panorama artistico nazionale ed internazionale del secondo dopoguerra.
Si va dal realismo esistenziale degli anni Cinquanta con opere di Calabria, Ferroni, Guccione, Guerreschi, Vespignani, fino alle più recenti esperienze dell'Arte Povera rappresentate da un cospicuo numero di opere di Ceroli, poi ancora Boetti, Merz, Pascali, Calzolari.
Punte di eccellenza sono espresse da nuclei sostanziosi come Alberto Burri e Lucio Fontana, due grandi padri dell'arte italiana del dopoguerra di cui Don Bettelli aveva raccolto un considerevole numero di fogli. Presente anche un certo contingente di maestri della Pop Art italiana, fra cui Mario Schifano, con una serie di grandi fogli di disegni a pastello o acrilico e collage realizzati durante i suoi soggiorni modenesi.
Note biografiche Casimiro Bettelli (Campiglio di Vignola, Modena, 1924 - 1998), figlio di emigranti, maturò la vocazione sacerdotale, quella del collezionista, del poeta e del letterato. Attivissimo collaboratore di prestigiose riviste di poesia fin dal primo ventennio del Dopoguerra, pubblicò opere come Di giorno e di notte (1951), Piccolo Salterio (Premio Cammino 1952), Le ore della Vergine (1956), Pietre del mattutino (Vallecchi, 1958), Lettere alla madre, 1960, ma soprattutto Per tutti la pietà - tutte le liriche sulla guerra e la resistenza, 1967, Le acque e le spine (1984) e altri volumi. Alla sua opera è stata conferita la medaglia d'oro de Lo Scoltenna e il premio Camposampiero di poesia religiosa.
Saggista e giornalista era inoltre insegnante di scuola superiore.
Inaugurerà venerdì 6 novembre 2009 alle 18,00 presso le Sale Superiori di Palazzo Santa Margherita, in corso Canalgrande 103 a Modena, la mostra La collezione don Casimiro Bettelli. Opere inedite da Fontana a Schifano, a cura di Gabriella Roganti in collaborazione con Serena Goldoni.
Promossa e organizzata da Galleria Civica di Modena e Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, la mostra presenta una selezione di opere inedite dalla collezione che Don Bettelli lasciò in eredità alla Curia Arcivescovile della città - e che successivamente passò in comodato d'uso alla Galleria Civica di Modena - a distanza di dieci anni dalla prima rassegna dedicata alla raccolta, allestita alla Palazzina dei Giardini nell'inverno del 1999.
Fu quella l'occasione per esporre un cospicuo nucleo della collezione, rappresentata da significative grafiche del XX secolo, e per presentare per la prima volta al grande pubblico la singolare ed eclettica figura del prelato modenese, fine estimatore dei più interessanti ed innovativi esiti delle arti figurative dal secondo dopoguerra in poi.
Dopo dieci anni, a suggello del rinnovo del comodato sottoscritto fra la Curia e la Civica, il museo modenese propone quindi una nuova mostra, con la quale presenta una cinquantina di opere rimaste fino ad oggi inedite, in larga parte riconducibili all'Informale, al clima pop italiano e alla Transavanguardia.
Fra le opere selezionate un nucleo fondamentale di opere su carta di Alberto Burri e una ceramica inedita di Lucio Fontana, e, fra gli autori, Franco Angeli, Enrico Bay, Mario Ceroli, Tano Festa, Sergio Lombardo, Renato Mambor, Fabio Mauri, Mario Schifano, oltre ai maestri della Transavanguardia Sandro Chia, Francesco Clemente, Enzo Cucchi, Nicola De Maria, e Mimmo Paladino.
Nel percorso di mostra anche una sezione dedicata agli artisti locali cui don Bettelli era legato da rapporti di amicizia, Carlo Barbieri, Raffaele Biolchini, Tino Pelloni, Mario Venturelli. Per alcuni di loro scrisse testi critici o poetici che accompagnano le opere in mostra.
Il Mistero della vita sta nella ricerca della bellezza, diceva Billy Wilder; una bellezza che Don Bettelli ha cercato durante tutta la sua vita, nelle opere d'arte, negli scritti, nella poesia. La vita è meraviglie - metteva in versi - non è il possesso, l'abito che salva, non è la conoscenza, ma quel vero o bellezza che mai saranno tue ... le cose contemplate, non quelle possedute, fanno la vita. Questo il manifesto, forse involontario, della poetica di un uomo che portò a un tempo l'abito ecclesiastico e quello dell'intellettuale.
Religioso e appassionato d'arte, poeta, frequentatore di artisti e galleristi, acuto osservatore e insieme protagonista di vicende cruciali del mondo collezionistico era, ancora, ricercatore instancabile, capace di riunire nel corso di oltre trent'anni un ricchissimo insieme di opere d'arte contemporanea.
La sua raccolta, considerata un vero e proprio unicum, è un corpus di assoluto valore, che privilegia l'opera grafica, ma che, come sarà evidenziato in mostra, comprende anche opere uniche realizzate prevalentemente su tela e sculture dei maggiori artisti italiani di rilevanza internazionale.
Una collezione che ha radici a Modena ma che è inserita, a pieno titolo, nel più ampio panorama culturale internazionale.

non disponibile - NON ordinabile

COMPRA ANCHE



OFFERTE E PROMOZIONI

design e realizzazione: Vincent Wolterbeek / analisi e programmazione: Rocco Barisci