libreria specializzata in arte e architettura
english

email/login

password

ricordami su questo computer

invia


Hai dimenticato la tua password?
inserisci il tuo email/login qui sotto e riceverai la password all'indirizzo indicato.

invia

chiudi

FB twitter googleplus
ricerca avanzata

chiudi

OFFERTA DEL GIORNO
Il Maestro dei bambini turbolenti. Sandro di Lorenzo sculture in terracotta agli albori della Maniera

Costo totale: € 80.00 € 240.00 aggiungi al carrello carrello

Libri compresi nell'offerta:

Storia delle arti figurative a Faenza. II. Il Gotico

Faenza, 2007; br., pp. 368, ill. b/n e col., tavv., cm 17x24.

OMAGGIO (prezzo di copertina: € 40.00)

Storia delle arti figurative a Faenza. II. Il Gotico

Ritratti di imperatori e profili all'antica. Scultura del Quattrocento nel Museo Stefano Bardini

A cura di Nesi A.
Saggio di Francesca Maria Bacci.
Firenze, 2012; br., pp. 199, ill. b/n, tavv. b/n, cm 17x24.
(Museo Stefano Bardini).

OMAGGIO (prezzo di copertina: € 25.00)

Ritratti di imperatori e profili all'antica. Scultura del Quattrocento nel Museo Stefano Bardini

Storia delle arti figurative a Faenza. I. Le origini

Faenza, 2006; br., pp. 193, 22 ill. b/n, 98 tavv. col., cm 17x24.

OMAGGIO (prezzo di copertina: € 25.00)

Storia delle arti figurative a Faenza. I. Le origini

Storia delle arti figurative a Faenza. III. Il Rinascimento. Pittura, miniatura, artigianato

Faenza, 2009; br., pp. 296, 225 ill. b/n e col., 225 tavv. b/n e col., cm 17x24.

OMAGGIO (prezzo di copertina: € 30.00)

Storia delle arti figurative a Faenza. III. Il Rinascimento. Pittura, miniatura, artigianato

Il Cinquecento. Parte Prima

Faenza, 2015; br., pp. 332, ill. b/n e col., cm 17x24.
(Storia delle Arti Figurative a Faenza).

OMAGGIO (prezzo di copertina: € 40.00)

Il Cinquecento. Parte Prima

chiudi

La famiglia de Chirico. I geni della pittura. Giorgio de Chirico, Alberto Savinio e Ruggero Savinio

La famiglia de Chirico. I geni della pittura. Giorgio de Chirico, Alberto Savinio e Ruggero Savinio

Skira

Francavilla al Mare, MuMi, Museo Michetti, Palazzo San Domenico, 24 giugno - 24 settembre 2006.
Francavilla al Mare (Chieti), MuMi, Museo Michetti, Palazzo San Domenico, 24 giugno - 24 settembre 2006.
A cura di Pegoraro S.
Milano, 2006; br., pp. 126, ill. b/n, 53 tavv. b/n e col., cm 21x28.
(Arte Moderna. Cataloghi).

collana: Arte Moderna. Cataloghi

ISBN: 88-7624-898-6 - EA7N: 9788876248986

Soggetto: Arti Grafiche (Disegno, Incisione, Miniatura),Pittura,Pittura e Disegno - Monografie

Periodo: 1800-1960 (XIX-XX) Moderno

Luoghi: Italia

Testo in: testo in  italiano  

Peso: 0.71 kg


La famiglia de Chirico. I geni della pittura propone per la prima volta un percorso alla scoperta dell'attività artistica di tre grandi maestri appartenuti alla stessa, straordinaria, famiglia: Giorgio de Chirico, Alberto Savinio, fratello minore di Giorgio, e Ruggero Savinio, figlio di Alberto.
La genialità "genetica" - sulla quale gioca ambiguamente il titolo volume pubblicato in occasione della mostra curata da Silvia Pegoraro - presenta una sessantina di opere dei tre pittori, distribuite cronologicamente attraverso l'intero arco di attività di ciascuno. Il percorso si propone di ricostruire criticamente le riflessioni e le assonanze poetiche intercorse fra Giorgio de Chirico e Alberto Savinio a partire dalle prime speculazioni intorno alla metafisica, fino ad abbracciare una più ampia riflessione sul mito che coinvolge anche Ruggero Savinio, ultimo esponente della brillante famiglia ed erede di un pensiero articolato e raffinato, attraverso il quale la famiglia de Chirico ha dato vita a una profonda trasformazione dei codici estetici del XX secolo.

Giorgio de Chirico e Alberto Savinio hanno dato luogo a uno dei momenti più alti di diffusione internazionale della cultura figurativa italiana novecentesca. Nati in Grecia, rispettivamente nel 1888 e nel 1891, dopo avere qui trascorso l'infanzia si sono spostati in Germania, Francia, Italia. Da qui la centralità in entrambi del tema del viaggio, del mistero del distacco, della struggente commozione del ritorno, che costituiscono una costante della loro pittura e vengono rielaborati in una sintesi originale da Ruggero Savinio, il cui stile per molti aspetti è debitore di quelli del grande padre e del grande zio, benché risulti, inconfondibilmente, suo. In realtà la pittura di Ruggero Savinio è carica di mistero - e in questo è più vicina a quella dello zio che a quella del padre - ed è attraversata da una fascinazione per il mito pari a quella che troviamo nei due più anziani familiari.

Dei tre autori, il volume indaga gli aspetti estetici, filosofici, speculativi, inquadrandoli nel panorama del secolo XX e XXI, a partire dalla rivoluzione operata da Giorgio de Chirico - in stretta collaborazione con il fratello Alberto - nel secondo decennio del 1900, rappresentata dalla pittura metafisica.
Gli interrogativi sul destino degli esseri umani, sulla loro fragilità fisica e sentimentale, diventano il motivo dominante della pittura dechirichiana, la loro ragion d'essere anche nei quadri neoclassici, quando l'artista sembra aver superato la misteriosa stagione metafisica, prediligendo un apparente 'ritorno all'ordine'. Paesaggi che si richiamano ai miti dell'antichità, cavalli fra le rovine della civiltà greca, gladiatori in procinto di vivere o morire, autoritratti e ridondanti nature morte, si moltiplicano nella sua vasta produzione in cui ritornerà sistematicamente il tema dell'esistenza con i suoi enigmi, le sue inesplicabili contraddizioni.

Gioco e ironia sono invece i cardini intorno ai quali ruota l'estetica metafisica di Alberto Savinio. A differenza del fratello, infatti, Savinio dimostra fin da subito un'innata capacità di immettere nei profondi silenzi metafisici, la sapiente leggerezza dell'ironia, che si dispiega attraverso una visionarietà fantastica. Nelle sue opere oggetti inanimati ed esseri animati si uniscono in un'unica rappresentazione colorata e vivace, nella quale forme umane e animali si confondono e si decontestualizzano, inserite all'interno di prospettive impossibili. Infine i dipinti di Ruggero Savinio, che, secondo il critico Maurizio Calvesi ricordano quelli del "grande zio Metafisico" da cui ha appreso il mestiere giovanissimo, sono attraversati da elementi eterogenei. I protagonisti dei suoi quadri, quando non vengono direttamente da figure classiche, statue o personaggi della pittura, sono la sua famiglia, lui stesso, gli amici, il suo cane. Ma queste presenze quotidiane sotto il suo pennello perdono la fisionomia contingente e diventano archetipi, personaggi del Mito, per ricordarci che siamo attori di una favola eternamente ripetuta. I temi a lui più cari sono conversazioni e paesaggi ritratti ad olio con una tecnica che sperimenta diversi supporti: dalla carta al velluto, dalla tela alla carta vetrata; le figure delle sue mute conversazioni appaiono ad un tempo creature ed attori della scena, stagliandosi sul paesaggio che le circonda.

Il volume comprende i contributi di Silvia Pegoraro (I tre pittori della famiglia de Chirico: la pittura come immagine e pensiero), Ottaviano Del Turco (I genî e i geni), Sergio Zavoli (Un ricordo di Giorgio de Chirico), Costanzo Costantini (Ruggero Savinio racconta la storia della famiglia de Chirico), Ruggero Savinio (Padre e figlio); seguono il catalogo e le schede delle opere dei tre pittori e le loro rispettive biografie e bibliografie.

non disponibile - NON ordinabile

COMPRA ANCHE



OFFERTE E PROMOZIONI

design e realizzazione: Vincent Wolterbeek / analisi e programmazione: Rocco Barisci