libreria specializzata in arte e architettura
english

email/login

password

ricordami su questo computer

invia


Hai dimenticato la tua password?
inserisci il tuo email/login qui sotto e riceverai la password all'indirizzo indicato.

invia

chiudi

FB twitter googleplus
ricerca avanzata

chiudi

OFFERTA DEL GIORNO

Andrea Bolgi, il Carrarino

Testi di Gelao Clara, Andrei Cristina, Ciarlo Nicola, Giacometti Cristiano, Federici Fabrizio e Gastel.
Testo Italiano e Inglese.
Carrara, 2019; ril., pp. 300, 271 ill. col., 10 tavv. b/n, cm 26x36.
(L'Oro Bianco. Straordinari Dimenticati. The White Gold Forgotten Masters).

prezzo di copertina: € 120.00

Andrea Bolgi, il Carrarino

Costo totale: € 120.00 € 462.96 aggiungi al carrello carrello

Libri compresi nell'offerta:

La Toscana al Tempo di Lorenzo il Magnifico. Politica, Economia, Cultura, Arte

Atti del Convegno di Studi, Firenze - Pisa - Siena, 5 novembre - 8 novembre 1992.
A cura di Fubini R.
Ospedaletto, 1997; 3 voll., br., pp. 1600, 237 tavv. b/n e col., cm 17x24.
(Storia).

OMAGGIO (prezzo di copertina: € 92.96)

La Toscana al Tempo di Lorenzo il Magnifico. Politica, Economia, Cultura, Arte

Il Tempio del Gusto. Le Arti Decorative in Italia fra Classicismi e Barocco. Il Granducato di Toscana e gli Stati Settentrionali. Tomo I. Testo e Tavole a Colori. [Opera Incompleta]

Opera Incompleta.
Milano, 1986; ril., pp. 408, ill. b/n num. n.t., cm 21x30.
(Biblioteca d'Arte).

OMAGGIO (prezzo di copertina: € 250.00)

Il Tempio del Gusto. Le Arti Decorative in Italia fra Classicismi e Barocco. Il Granducato di Toscana e gli Stati Settentrionali. Tomo I. Testo e Tavole a Colori. [Opera Incompleta]

chiudi

L'urbanistica dell'emergenza. Progettare la flessibilità degli spazi urbani. Con CD-ROM

Alinea Editrice

Firenze, 2008; br., pp. 216, ill. b/n e col., cm 19,5x27.
(Problematiche di Architettura e Urbanistica).

collana: Problematiche di Architettura e Urbanistica

ISBN: 88-6055-312-1 - EAN13: 9788860553126

Soggetto: Saggi (Arte o Architettura),Urbanistica e Viabilità

Testo in: testo in  italiano  

Peso: 0.82 kg


Nelle pratiche di intervento edilizio ed urbanistico più recenti si riscontra un consenso sempre più ampio orientato al riuso degli elementi insediativi residui: la complessità dell'argomento correlata alle problematiche dell'emergenza ha posto il problema di comprendere la linea analitica più efficace per definire un percorso risolutivo congruente. Questo lavoro è direttamente rivolto a chi deve pianificare e preparare il territorio conciliando le esigenze di fruizione e manutenzione ordinaria degli spazi pubblici con una gestione alterata dalle circostanze improvvise di un'emergenza abitativa.
Un iter di progetto attento al contesto ed alle risorse disponibili che potrebbe conferire importanti potenzialità agli spazi urbani coinvolti, mutando una prospettiva d'uso marginale o interstiziale in un ruolo integrato e riconosciuto dal sistema urbano afferente, nel rispetto delle disposizioni fornite dalla Protezione Civile Nazionale.
L'esito è uno strumento-guida (cd-allegato) di carattere progettuale e tecnico per la selezione delle aree d'emergenza atte al ricovero degli sfollati e per la progettazione delle strutture abitative temporanee, che va ad implementare le Linee guida per l'individuazione di aree di ricovero per strutture prefabbricate di protezione civile (DPCM 2 febbraio 2005). La previsione di polifunzionalità e flessibilità d'uso degli spazi urbani da attrezzare è uno degli aspetti più innovativi della proposta e concretizza una proiezione futura di sviluppo, indirizzata a fornire alla pianificazione per l'emergenza un'autonomia economica e finanziaria per la gestione degli spazi ed il reimpiego delle strutture, garantendo durata delle prestazioni e qualità fruitiva nel tempo.

Parlare di "urbanistica dell'emergenza" potrebbe apparire una contraddizione in termini, una specie di ossimoro. In genere si è infatti portati a pensare che l'emergenza non possa essere ingabbiata all'interno di formule tecniche e progetti territoriali, poiché essa perderebbe la sua stessa natura di manifestazione sostanzialmente imprevedibile e capace di sconvolgere e mettere in disordine piani e programmi di qualsiasi genere. In realtà l'approccio di Marcella Anzalone appare interessante proprio per il tentativo di avvicinare e far interagire assieme la filosofia tradizionale della pianificazione territoriale, il segreto intrigante della progettazione colta e il carattere imprevedibile che è proprio della gestione di una crisi in situazione di emergenza. L'opera che ne deriva è un contributo di indagine interessante e originale in un campo - quello della predisposizione degli insediamenti di emergenza nelle operazioni di protezione civile - che fino ad oggi è stato sempre affrontato quasi esclusivamente all'indomani delle grandi catastrofi, nella fatale costrizione determinata dagli eventi. In un paese come il nostro, in cui forti terremoti e svariate altre catastrofi periodicamente fanno visita al territorio e alle comunità, sconvolgendo l'ordine naturale delle vicende umane, serviva un'esperienza di indagine e studio sul settore della pianificazione delle aree di emergenza e in particolare della progettazione degli spazi comunitari da garantire alle popolazioni colpite da calamità. Una scommessa che crediamo vincente proprio per la sua potenziale capacità di stimolare intelligenze e talenti verso l'approfondimento di questo fondamentale aspetto della protezione civile, per favorire l'affermazione di sempre più nuove ed efficienti solidarietà.
Giuseppe Zamberletti, già Ministro della Protezione Civile CONTENUTO: 1 PAESAGGI IN-TRANSIZIONE PAESAGGI IN-TRANSIZIONE - Dall'oggetto al contesto: mobile, flessibile e riutilizzabile - Le unità abitative - Cultura nomade e Situazionismo degli anni '60 - Paesaggi in-transizione: città mobili e sistemi a configurazione variabile - Strutture temporanee e riuso nella dimensione urbana attuale - Strutture effimere per attività fieristiche - Strutture temporanee per mobilità abitativa - Interventi di riuso e\o di recupero urbano; 2 EMERGENZA ABITATIVA: DALLA CAUSA ALL'EFFETTO EMERGENZA ABITATIVA:DALLA CAUSA ALL'EFFETTO - Fenomenologia del disastro - Alloggi provvisori (R-SAT): variabili e criticità 3 STRATEGIE D'INTERVENTO ABITATIVO IN AMBITO INTERNAZIONALE STRATEGIE D'INTERVENTO NELLE GRANDI EMERGENZE - Dalla Planning Strategy di Skopje alla Log House di Ban - Skopje - Turchia - Spitak - Kobe - Turchia 1999; SHELTER AFTER DISASTER AND PRE-DSASTER PLANNING: IL DIBATTITO INTERNAZIONALE - La programmazione degli insediamenti - pre-disaster planning - Selezione e progettazione degli spazi di accoglienza - recovery plan - Linee guida: The selection of sites for temporary settlements for forced e igrants;
4 SOCCORSO ABITATIVO E CON-TEMPORANEITÀ D'USO DEGLI SPAZI IN ITALIA STRATEGIE ABITATIVE NELLE EMERGENZE NAZIONALI - Dalle baracche di Noto alle baraccopoli di Gibellina - Val di Noto - Val di Belice - Ricostruzione e soccorso abitativo: l'efficienza del modello Friuli - L'operazione Monterusciello: le new towns - Monterusciello I - Monterusciello II - Umbria-Marche: la containerizzazione del territorio - Gli insediamenti residui - Gualdo Tadino: dati del soccorso abitativo 5 L'URBANISTICA DELL'EMERGENZA: DALLA NORMATIVA AL PIANO STRUMENTI E ATTORI DELL'EMERGENZA NAZIONALE - Il Servizio Nazionale di Protezione Civile - Disciplina dell'emergenza: l'evoluzione delle norme - Le strutture che operano per l'emergenza - Il Dipartimento Nazionale di Protezione Civile - La Commissione Nazionale Grandi Rischi - Il Comitato operativo della Protezione Civile - Il Comitato paritetico Stato-Regione-Enti locali - Le strutture operative - Gli organi periferici - Le regioni - Le province - I comuni; 6 PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO E DEI SISTEMI ABITATIVI PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO E DEI SISTEMI ABITATIVI - Il Piano di Emergenza - Il Piano Comunale - Gli spazi per il soccorso abitativo e la programmazione degli interventi - Pre-emergenza - Emergenza - Post-emergenza - Pianificazione del territorio e spazi per l'emergenza: la situazione attuale - L'intervista - Programmazione degli spazi per l'emergenza: fasi e criticità - Aree d'emergenza e spazi con flessibilità d'uso - Gli Spazi attrezzati: casi e tipologie; 7 SPAZI URBANI CON FLESSIBILITA' D'USO: IL PROGETTO SPAZI URBANI CON FLESSIBILITÀ D'USO: IL PROGETTO - Strumenti e variabili per il progetto - Requisiti minimi per la scelta delle aree - Pre-dimensionamento della domanda - Pre-dimensionamento delle strutture: i nuovi standard - Usi compatibili e flessibilità delle strutture -- BIBLIOGRAFIA TEMATICA CD ALLEGATO - GUIDA ALLA PROGRAMMAZIONE DI SPAZI ABITATIVI PER L'EMERGENZA: DALLA SELEZIONE DELLE AREE ALLA PROGETTAZIONE DI SISTEMI ABITATIVI CON FLESSIBILITÀ D'USO DELLE STRUTTURE. Contenuti: Definizione ruoli e competenze per le attività di pianificazione, costruzione e gestione; Strategie per la scelta delle aree in relazione alle tipologie urbane comunali nel nostro territorio; Criteri per la definizione del modello insediativo in relazione alle soglie di utenza, alle caratteristiche del territorio, alla morfologia del sistema abitativo; Standard urbanistici per il dimensionamento dell'area in relazione alle caratteristiche dell'emergenza e del comune di competenza; Indicatori qualitativi e quantitativi per la valutazione del grado di compatibilità del sistema insediativo con destinazioni d'uso alternative da realizzare in pre e post emergenza; Modelli progettuali per la verifica delle soluzioni scelte.



MARCELLA ANZALONE si laurea in architettura a Firenze nel 1998. Dal 1999 al 2002 è incaricata del Monitoraggio delle strutture ai fini della sicurezza negli ambienti di lavoro presso l'ufficio tecnico dell'Università degli studi di Firenze e svolge attività di ricerca sulla Fattibilità e Affidabilità della Progettazione delle opere pubbliche. Dal 2003 si occupa di Pianificazione urbana e architettonica per l'emergenza e scrive per le riviste "Recuperare l'edilizia" e "Materiali Edili", con numerosi articoli e saggi sul tema del recupero edilizio e urbano e della sostenibilità. Consegue il titolo di Dottore di Ricerca in Tecnologia dell'Architettura nell'aprile 2005 presso il Dipartimento di Tecnologia dell'Architettura e Design "Pierluigi Spadolini" (UniFi) e insegna Pianificazione per l'emergenza e recupero delle aree al Master in Coordinamento delle attività di Protezione Civile (CESPRO - Università degli studi di Firenze). Dal 2005 svolge attività professionale per la redazione di Piani di Emergenza Comunale e Piani Urbanistici.

COMPRA ANCHE



OFFERTE E PROMOZIONI
€ 10.00
€ 26.00 -62%

spedito in 24h


design e realizzazione: Vincent Wolterbeek / analisi e programmazione: Rocco Barisci